La tosatura del Cavallo

Pubblicato il : 18/09/2018 10:56:51
Categorie : Cura del cavallo

La tosatura del Cavallo

Con l’avvicinarsi dell’inverno arriva anche il momento di decidere se si intende o meno tosare il mantello del proprio cavallo. Ma rasare il cavallo comporta anche alcune responsabilità.

Man mano che le giornate si accorciano e le ore di luce diminuiscono il mantello del cavallo comincia a crescere per poter affrontare l’inverno, indipendentemente dal clima in cui esso vive, caldo o freddo. Il mantello invernale è un ottimo dispositivo di protezione per il tuo cavallo, ma per te, se hai intenzione di continuare ad allenarti durante l'inverno, un mantello più folto significa un sacco di lavoro extra. Ci vorrà molto più tempo per raffreddare il cavallo, anche dopo l'allenamento più breve.

Una volta rasato il cavallo, sei responsabile di assicurarti che sia sufficientemente coperto in base alle varie condizioni meteorologiche. Questo significa controllare il tuo cavallo almeno una volta al giorno, anche due volte se vivi in ​​un clima caldo, per capire se è necessaria una coperta più pesante o più leggera. Ed una coperta per la notte è un must, indipendentemente dal clima, anche se nelle notti più calde una coperta più leggera potrebbe essere preferibile rispetto ad una coperta pesante.

5 Consigli sulla Tosatura del Cavallo

  • Un Cavallo con il mantello rasato è più facile da pulire e rinfrescare dopo l'esercizio invernale, ma avrà bisogno di coperte più o meno pesanti per evitare che colpi di freddo.

  • E’ importante avere sempre a portata di mano lame di dimensioni diverse prima di iniziare il lavoro con la tosatrice.

  • Se il tuo cavallo non è a suo agio con le tosatrici, inizia con quelle più piccole e più silenziose nelle aree di dettaglio prima di passare alle tosatrici più grandi e rumorose.

  • Durante la rasatura, spazzolare via dalla lama i peli e lubrificarla ogni cinque minuti circa in modo da evitare che si surriscaldi ed affinchè possa tagliare in modo efficiente.

  • Assicurati che il posto in cui ti appresti ad effettuare la tosatura sia silenzioso e privo di distrazioni: il tuo cavallo rimarrà più calmo e potrai concentrarti nel fare un lavoro migliore.

Per decidere se tosare o meno il tuo cavallo, pensa a quanto lavoro hai intenzione di fare in inverno. Se pianifichi di appendere le briglie per la stagione invernale e di mantenere il cavallo in condizioni di lavoro leggero, potrebbe non essere necessario tosarlo, o una rasatura parziale potrebbe essere sufficiente. Puoi scegliere tra diversi stili di tosatura che rimuovono i peli nelle aree in cui il tuo cavallo suda più frequentemente.

Se hai obiettivi più alti per l'inverno, dovresti considerare di fare al tuo cavallo una tosatura su tutto il corpo. Per i cavalli da spettacolo, il sudore evapora più rapidamente e il tuo cavallo manterrà il suo aspetto pulito dopo il riscaldamento. Scoprirai che il tuo cavallo rasato è più facile da gestire, perché devi togliere l'umidità dal pelo del tuo cavallo prima di coprirlo, e questo è certamente più facile con un mantello più corto. Inoltre, un mantello bagnato non isola in maniera efficace e se il tuo cavallo è fradicio di sudore, una coperta non aiuta a tenerlo caldo a meno che non lo asciughi completamente. Un cavallo tosato si asciugherà rapidamente e sarà pronto immediatamente pronto per essere coperto.

Le Coperte

Una volta rasato il cavallo avrai bisogno di almeno tre coperte: una leggera per i giorni più miti, un coperta anti-sudore o da passeggio da utilizzare dopo gli allenamenti e una coperta pesante per i giorni e le notti fredde. Si potrebbe anche voler acquistare una sottocoperta tecnica in Lycra progettato per evitare sfregamenti dalla coperta. Anche il borotalco può essere d’aiuto per ridurre gli sfregamenti. I cavalli nelle aree più fredde potrebbero richiedere cappucci, coperte extra o rivestimenti. Indipendentemente dalla coperta che indossa, un cavallo rasato deve sempre essere tenuto lontano da correnti d'aria e pioggia.

Pronti per la Tosatura

Per il taglio di tutto il corpo, avrai bisogno di una tosatrice di grandi dimensioni ed anche di una più piccola. Le tosatrici più piccole sono per il muso, le orecchie e le piccole parti e aree del corpo, in quanto utilizzandole per tutto il corpo si rischia di rovinare il motore. Le tosatrici più grandi possono rasare rapidamente un'area più ampia, riducendo il tempo necessario per completare il lavoro. Avrai bisogno del olio lubrificante per tosatrici per mantenere le lame lubrificate, evitare inceppamenti e per mantenere le pinze fredde, e di un piccolo pennello o un vecchio spazzolino da denti per rimuovere i peli e la sporcizia dai denti della lama e da piccole parti delle forbici.

Per ottenere i migliori risultati, avrai anche bisogno di una coperta per coprire le zone appena tagliate, gesso bianco per tracciare le linee guida, una fascia per la coda, una spazzola per il corpo, stracci puliti, uno sgabello per raggiungere la testa e le orecchie, ed una adeguata prolunga.

Prima di iniziare, controlla le istruzioni della tua tosatrice per le linee guida sull’utilizzo e la lubrificazione. La maggior parte delle tosatrici grandi hanno un piccolo foro nella parte anteriore per aggiungere olio. Applicare una sottile linea di olio sulla parte superiore dei denti della tosatrice e far funzionare la macchina per alcuni secondi; ripetere questa procedura ogni 20 minuti circa mentre si esegue la rasatura. Spazzolare i denti della tosatrice ogni cinque minuti circa e spruzzarli con il lubrificante.

Passo dopo passo

Disegna linee di gesso attorno alle aree che non vuoi ritagliare, ti consigliamo di utilizzare una corda o un nastro di misurazione per aiutarti a creare zone uguali su entrambi i lati del cavallo. Dopo aver misurato la zona disegna intorno con il gesso. Se hai intenzione di lasciare il mantello lungo sulle gambe del tuo cavallo disegna una linea lungo il muscolo nella parte superiore delle gambe anteriori e una linea angolata dal ginocchio verso l'anca nelle gambe posteriori.

Se il tuo cavallo ha la pelle sensibile, puoi lasciare una ciocca di peli attorno alla sella. Questo aiuterà a proteggere dalle ustioni e dagli sfregamenti della sella e del sottosella. Metti la tua sella sulla schiena del tuo cavallo e disegna una linea (escludendo i lembi) intorno alla sella e lungo la parte anteriore. Rimuovi la tua sella e unisci le linee insieme. Per fare in modo che la coda si armonizzi con il mantello tagliato, disegnare una "V" rovesciata nella zona della coda.

Ora che hai disegnato le zone inizia a tagliare la spalla del tuo cavallo, tagliando il mantello in lunghi tratti sovrapposti. Sovrapponendo i tratti di taglio si evita di lasciare dietro di sé strisce di mantello non rasato. Quindi continua a tagliare lungo la parte posteriore, i lati e i quarti.

Quando raggiungi la criniera, lascia una sottile striscia di mantello invernale lungo la cresta e sotto i crini. Il mantello tagliato dalla base della criniera tende a ricrescere in modo antiestetico, quindi fai attenzione quando tocchi questa area.

Quindi ritaglia le aree con il gesso. Taglia contro pelo lungo le linee delle zone contrassegnate mantenendo la fine delle lame sulla linea di gesso. Tendi la pelle flaccida con il palmo della mano libera per ottenere un taglio più stretto. Leviga i bordi ruvidi ruotando le cesoie e facendo piccoli tagli lungo la linea. Agganciare il disegno della coda tenendo la tosatrice sottosopra con il bordo della lama contro la "V". Per evitare di tagliare i peli della coda avvolgila in una fascia salvacoda.

Tagliare le gambe del tuo cavallo può essere problematico a causa della conformazione. La pelle allentata vicino al petto è difficile da tosare e per una rasatura migliore dovrai tenere tesa la pelle con l’altra mano. Puoi farlo più facilmente arruolando un aiutante per sollevare la gamba anteriore del tuo cavallo in modo da poterlo rasare sotto il torace. Per rasare lungo l'osso, tieni il ginocchio o il garretto del cavallo per scoraggiarlo dal sollevare la gamba. Anche in questo caso tagliare sempre contropelo.

La pelle sulla pancia del tuo cavallo dovrebbe essere tenuta tesa con la mano durante la tosatura. Potrebbe essere necessario inclinarsi su un lato per vedere cosa si sta facendo, ma attenzione a non inginocchiarsi o mettere la testa dove il cavallo può calciare. La pancia è una zona sensibile, in particolare nelle femmine, quindi fai attenzione e tieni la testa ben al di fuori della zona in cui potrebbe scalciare quando si taglia tra le gambe posteriori.

Per la testa, passa alla tosatrice più piccola e silenziosa e inizia lungo la mascella o lo zigomo. Rasa prima tutte le zone più estese, lasciando il muso, le orecchie e gli occhi per ultimi. Vai lentamente intorno agli occhi, mantieni la pelle tesa e proteggi le ciglia con la mano libera. Per rasare l'esterno delle orecchie, tenerle chiuse, orientare le lame verso l'alto rasando i peli che crescono dall'interno e attorno alla base. Per i dorsi e i bordi delle orecchie, segui la direzione del pelo sfumandoli.

Tosando il muso del cavallo bisogna fare particolare attenzione a non tagliare assolutamente le vibrisse, comunemente conosciute come “baffi”, che sono quei peli spessi e duri, più o meno fitti, che crescono sul muso del cavallo, concentrandosi intorno alle narici ed intorno alle labbra. Questi peli duri, ma allo stesso tempo molto flessibili, crescono anche intono l’occhio del cavallo. Ad alcuni cavalli sono più lunghe, ad altre meno, ma in linea di massima mai più corte di 2 cm. Le vibrisse sono il senso tattile-olfattivo del cavallo, quindi è bene averne cura. Questi importantissimi peli sono dei recettori tattili e si collegano alla fitta rete del sistema nervoso. Ogni vibrissa corrisponde ad un punto preciso del cervello del cavallo nella corteccia sensitiva. Le vibrisse servono a captare i campi magnetici, i movimenti d’aria e gli spazi che lo circondano, la distanza dagli oggetti e sono una sorta di radar per localizzare i suoi simili, il cibo, l’acqua ed eventualmente la distanza dai pericoli, la temperatura, lo stato di un oggetto (solido, liquido, ecc..). Le vibrisse sono un importante organo sensoriale del cavallo e tagliandole rendiamo il cavallo in un certo senso handicappato.

cavallo tosato

In conclusione, nonostante tutto ciò sembri abbastanza semplice, ci vuole molta pratica, quindi non iniziare a tosare il tuo cavallo a meno che tu non abbia un sacco di tempo per finire pazientemente. Fatti aiutare da una persona esperta se questa è la tua prima volta. Assicurati che i dintorni siano calmi e sicuri per te e per il cavallo, e che potrai continuare a rimanere tranquillo per almeno un paio d'ore (ad esempio, non iniziare poco prima dell'alimentazione). Se il tuo cavallo è diffidente investi un po’ di tempo all'inizio dell'autunno facendolo desensibilizzare alle tosatrici e facendogliene sentire il rumore. Se questo non funziona e per questioni di allenamento devi necessariamente provvedere alla tosatura, chiedi al tuo veterinario di sedare il tuo cavallo prima di tosarlo, in modo che nessuno dei due si faccia male.

Quando hai finito ed il tuo cavallo è ben rasato, ricorda che devi prenderti cura di lui osservando il clima e coprendolo di conseguenza.

Condividi